INSIEME AL MINISTRO CILENO, ERNESTO OTTONE, PER LA CULTURA COME PROPULSORE PER RAPPORTI DI AMICIZIA E TURISMO

Aprire le frontiere agli scambi culturali porta ricchezza d’animo ed economica ai Paesi in relazione. Un riuscito esempio è quello del Salone del Libro di Santiago del Cile, in occasione del quale l’Italia partecipa come paese Invitato d’Onore e con un’ampia presenza di autori, intellettuali, editori ed esponenti del mondo fieristico. Il Belpaese, qui, presenta un programma che si articola in oltre 200 attività di promozione della letteratura, dell’arte, della lingua, della musica e della cultura italiana. Durante la Fiera, il pubblico cileno ha potuto partecipare a numerose conferenze e dibattiti organizzati dall’Ambasciata e dall’Istituto Italiano di Cultura su temi di grande attualità come i fenomeni migratori nell’area del Mediterraneo e la parità di genere, nonché assistere a omaggi ad alcuni giganti della cultura italiana come Umberto Eco e Pier Paolo Pasolini. Vi è stato spazio anche per mostre, tra cui spicca quella con immagini fotografiche della Cappella Sistina in altissima definizione organizzata in collaborazione con la casa editrice “Scripta Maneant”. Tanti sono stati i concerti, tra cui quelli del pianista jazz di fama internazionale Danilo Rea e dei “Tenores di Bitti”, che hanno presentato al pubblico cileno il canto a tenore della Sardegna, riconosciuto dall’Unesco come patrimonio immateriale dell’umanità.

Il nostro bacino culturale, il Mediterraneo, attrae tantissimi sudamericani, ed esportare la nostra letteratura non può che far bene all’incremento della curiosità attorno alle nostre tradizioni e stili di vita. Lo dimostra la numerosa presenza di scrittori italiani qui e il posto di ospite d’onore che il nostro Paese ricopre. Auspichiamo tanti saranno anche gli autori del Cile che vorranno omaggiarci della loro presenza nelle manifestazioni italiane dedicate all’editoria. La cultura diviene propulsore per i rapporti di amicizia e per il turismo in entrata e in uscita.

Durante la mia permanenza in Cile ho avuto modi anche di riunirmi con il Ministro della Cultura cileno Ernesto Ottone, con il quale si sono si sono intrecciati eccellenti relazioni bilaterali in ambito culturale, gettando le basi per lo sviluppo di ulteriori collaborazioni nei mesi a venire.

 

giorgia

Add your Biographical Info and they will appear here.